Una lunga storia di violenza

11 febbraio 2022 | Ore 17.00

Conferenza di Raoul Pupo


Autore del volume "Adriatico amarissimo",
pubblicato da Laterza nel 2021

Introduce

Stefano Biguzzi
Presidente IVrR

Le terre dell’Adriatico orientale sono state uno dei laboratori della violenza politica del ‘900: scontri di piazza, incendi, ribellioni militari come quella di D’Annunzio, squadrismo, conati rivoluzionari, stato di polizia, persecuzione delle minoranze, terrorismo, condanne del tribunale speciale fascista, pogrom antiebraici, lotta partigiana, guerra ai civili, stragi, deportazioni, fabbriche della morte come la Risiera di San Sabba, foibe, sradicamento di intere comunità nazionali. 
Queste esplosioni di violenza sono state spesso studiate con un’ottica parziale, e quasi sempre all’interno di una storia nazionale ben definita - prevalentemente quella italiana o quella jugoslava (slovena e croata) -, scelta questa che non può che originare incomprensioni e deformazioni interpretative. Infatti, è solo applicando contemporaneamente punti di vista diversi che si può sperare di comprendere le dinamiche di un territorio plurale come quello dell’Adriatico orientale, che nel corso del ‘900 oscillò fra diverse appartenenze statuali. Inoltre, le versioni offerte dalle singole storiografie nazionali non fanno che rafforzare le memorie già a suo tempo divise e rimaste tali generazione dopo generazione. Sono maturi i tempi per tentare di ricostruire una panoramica complessiva delle logiche della violenza che hanno avvelenato - non solo al confine orientale - l’intero Novecento. 

Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Per l’accesso è obbligatorio essere muniti di mascherina Ffp2 e super green pass
Si prega di accedere alla Sala almeno 15 minuti prima dell’inizio

La presentazione sarà trasmessa in diretta audio-video streaming
http://www.societaletteraria.it/streamingvideo/

........ ...... .... .. ........... .....