Fermare l’odio

11 dicembre 2019 | Ore 17.00

Avremo
l’onore di ospitare

Luciano Canfora

Professore emerito dell’Università di Bari

che
presenterà il volume

Fermare l’odio

Laterza 2019

La vicenda degli spostamenti di masse umane coincide con la storia stessa del genere umano. È puerile volervi porre un freno «a mano armata». Gli stessi Stati europei che ora indossano l’elmetto per chiudere le porte e i porti traggono origine da migrazioni di popoli che investirono – in un processo storico durato secoli – la struttura statale all’epoca considerata la più forte, quella dell’impero romano. Anche allora avvenne che forze spirituali, dall’interno, incrinarono (e rivelarono vana) la risposta militare. Anche allora, per un tempo non breve, la ‘migrazione’ avvenne in forma di stillicidio pacifico. E l’impero romano adottò, per un tempo non breve, verso l’irresistibile fenomeno, una risposta duttile integrando gli elementi più capaci o più in vista (anche i migranti sono ed erano attraversati da articolazioni sociali) nelle strutture soprattutto militari. Poi venne il tempo delle migrazioni di interi popoli armati e guidati da capi. Ricordare tutto questo aiuta a capire.

Luciano Canfora, storico del mondo antico e filologo, è stato professore ordinario di Filologia classica presso l’Università di Bari dal 1975 al 2012. 

Autore di importanti studi di storia antica, papirologia letteraria, letteratura greca e latina, storia della tradizione, storia degli studi classici, politica e cultura dalla Riforma al Novecento europeo, dirige la rivista  Quaderni di storia, e le collane di classici La città antica (Sellerio), Paradosis (Dedalo), Ekdosis (Ed. Pagina), “Historos” (Sandro Teti, Roma). Collabora al Corriere della sera.

Fra le onorificenze a lui conferite si ricordano: Diploma di medaglia d’oro del Presidente della Repubblica italiana per i benemeriti della scienza e della cultura (2000); Cavaliere di Gran Croce di Sant’Agata della Repubblica di San Marino (2005); Croce d’Onore del Presidente della Repubblica Ellenica (2005); Laurea honoris causa in Filologia classica, Università di Reims (2006); Medaglia d’oro Associazione Italiana Cultura Classica (2011).

........ ...... .... .. ........... .....