Tags

No tags :(

Venerdì 10 novembre 2017, ore 17.30, presentazione del libro di Angelo Paratico “Leonardo Da Vinci Un intellettuale cinese nell’Italia del Rinascimento”, Gingko edizioni, 2017

presso Sala Montanari

 

Dialoga con l’autore

Giovanni Masciola

Giornalista e saggista

Dall’introduzione al volume, la suggestiva tesi di Angelo ParaticoLa vita di Leonardo Da Vinci rimane un enigma, nonostante tutti i documenti emersi dagli archivi antichi e le migliaia di pagine dei suoi quaderni personali. Egli nacque fuori dal matrimonio, e indesiderato, frutto d’un incontro casuale fra un notaio della Repubblica fiorentina, Ser Piero Da Vinci, e di una misteriosa Caterina. Forse una schiava domestica, la quale serviva in casa di un cliente del padre di Leonardo, un tale Ser Vanni. Dopo averla ingravidata, Ser Piero la portò a partorire a Vinci, quindi la diede in sposa a un suo umile tuttofare, detto l’Accattabriga. A quel tempo, gli schiavi orientali erano molto comuni in Toscana. Ginevra Datini, la figlia del mercante per eccellenza del Rinascimento, Francesco Datini, nacque da una schiava tartara, di nome Lucia, che lavorava nella casa del ricco banchiere. Questo fatto sorprendente non sarebbe mai venuto alla luce senza il  ritrovamento fortuito, avvenuto nel 19° secolo, di un vero e proprio tesoro di lettere e di libri contabili nascosti in una partizione segreta nel suo palazzo di Prato. Quello alle spalle della Gioconda è un paesaggio tipicamente cinese, e Mona Lisa non ha le sopracciglia, proprio come le schiave orientali descritte in Italia all’epoca.  Grazie a nuovi elementi e anni d’indagine storica, Angelo Paratico svela il mistero dei misteri nella vita di Leonardo.

 

ANGELO PARATICO è nato nel 1955, a Turbigo, in provincia di Milano. Inizia a pubblicare libri nel 1980, con la raccolta di poesie, “Rendiconto Giovanile” al quale segue una “Storia di Castano Primo” un comune confinante con Turbigo. In seguito emigra a Hong Kong, dove ancora risiede ancora e dove svolge la sua attività in campo tessile. Traduttore di un classico confuciano, il “Lun Yu” è anche autore del un romanzo “Gli assassini del Karma” pubblicato nel 2004 a Roma e poi a New York, in lingua inglese. È stato editorialista del Secolo d’Italia per vari anni. Nel 2008 pubblica “Black Hole” andato in libreria poco prima dell’accensione del Large Hadron Collider al CERN di Ginevra. Nel 2010, con Mursia, pubblica “Ben” un romanzo storico nel quale un giovane James Bond vien mandato da Churchill a uccidere Mussolini e poi impadronirsi di lettere e documenti scottanti, che non devono finire in mani russe o americane. Nel 2012 è la volta di un libro pubblicato da Girolamo Cardano, nel 1562 a Basilea, dedicato a Nerone e che viene per la prima volta pubblicato in inglese. Segue in inglese un libro contenente una ricerca storica sulle possibili origini orientali della madre di Leonardo Da Vinci, poi tradotto in italiano e coreano.  Nel 2016 viene mandato alle stampe in Arizona: “The Dew of Heaven” una storia romanzata relativa alla guerra italiana in Cina nel 1900, contro ai Boxer. Fra due mesi, infine, uscirà a Tempe, in Arizona, la traduzione in lingua inglese delle memorie di Giuseppe Salvago Raggi, che fu ministro d’Italia a Pechino nel 1900.

 

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

La presentazione sarà trasmessa in diretta audio streaming

http://www.societaletteraria.it/streaming/