Tags

No tags :(

presso Sala Montanari

Società Letteraria di Verona
Dipartimento di Lingue e Letterature straniere, Università degli Studi di Verona
Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa mediterranea, Università Ca’ Foscari Venezia
Master Ca’ Foscari Challenge School

grazie alla straordinaria presenza a Verona del nostro illustre concittadino

Stefano Beltrame

Console Generale d’Italia a Shanghai


Invitano la S.V. il

23 dicembre 2015 alle ore 17.30

alla conferenza

La mia Cina

 

Nell’occasione, il Console Stefano Beltrame presenterà due recenti volumi di particolare interesse sul mondo cinese:

La Cina non è ancora per tutti. Dialoghi sul mercato cinese
a cura di Cristiana Barbatelli e Renzo Cavalieri
Olivares, 2015

e

Ritorno a Confucio. La Cina di oggi fra tradizione e mercato
di Maurizio Scarpari
Il Mulino, 2015

Saluti
Daniela Brunelli
, Presidente della Società Letteraria di Verona

Dialogheranno con il Console:
Roberta Facchinetti, Direttrice del Dipartimento di Lingue e Letterature straniere, Università di Verona
Renzo Cavalieri, docente di diritto cinese, Università Ca’ Foscari Venezia
Maurizio Scarpari
, docente di Lingua cinese classica, Ca’ Foscari Venezia
Tommaso Dalla Massara, docente di Istituzioni di diritto romano e Fondamenti del diritto privato europeo, Università di Verona

Seguirà aperitivo

 

L’incontro è il 6° e ultimo del ciclo di approfondimento sul mondo e la cultura cinese Un ponte con la Cina (30 marzo – 23 dicembre 2015) a cura di Roberta Facchinetti, Università di Verona, Renzo Cavalieri, Università Ca’ Foscari Venezia, Daniela Brunelli, Società Letteraria di Verona

Diretta audio streaming: http://www.societaletteraria.it/streaming/

Stefano Beltrame, laureato in Scienze politiche all’Università di Padova, dopo un’esperienza nel mondo imprenditoriale privato con Procter & Gamble e Johnson & Johnson, dal 1991 è entrato nel servizio diplomatico italiano, prestando la sua opera dal 1993 al 2010 in Kuwait, Germania, Iran e Stati Uniti. Dal 2010 al 2014 è stato Consigliere Diplomatico del Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia e dal febbraio 2014 è Console Generale d’Italia a Shanghai.
Autore di alcune importanti pubblicazioni, fra le quali:
Storia del Kuwait. Gli Arabi, il petrolio e l’Occidente
, Cedam, 1999.
La prima guerra del Golfo. Perché non fu presa Baghdad. Dalla cronaca all’analisi di un conflitto ancora aperto
, ADN Kronos 2003.
Mossadeq. L’Iran, il petrolio, gli Stati Uniti e le radici della Rivoluzione Islamica
, Ed. Rubbettino, 2009.

* * *

La Cina non è ancora per tutti. Dialoghi sul mercato cinese, a cura di Cristiana Barbatelli e Renzo Cavalieri, Milano, Olivares, 2015.
Dieci anni dopo la pubblicazione del volume La Cina non è per tutti, curato nel 2005 da Maria Weber, alcuni dei maggiori esperti del mondo accademico e delle imprese italiane riflettono sulle attuali criticità e opportunità del mercato cinese. Concepito dai curatori come un dibattito virtuale, il volume raccoglie numerosi contributi per rispondere ad alcuni quesiti di fondo: Quali sono le strategie delle imprese italiane e del Sistema Italia per crescere in Cina? Quanto pesano ancora i limiti dimensionali e organizzativi tipici delle imprese italiane? Come potranno integrarsi le numerose imprese possedute o partecipate da capitali cinesi nel nostro Paese? Il risultato è un volume denso di informazioni, riflessioni e suggerimenti sul mercato cinese, che oggi appare meno chiuso e opaco, ma che esige tuttora ingenti investimenti di risorse, organizzative e finanziarie per operarvi con successo. La Cina, insomma, non è ancora un Paese “per tutti”.

Ritorno a Confucio. La Cina di oggi fra tradizione e mercato, Maurizio Scarpari, Bologna, Il Mulino, 2015.
In Cina lo straordinario sviluppo economico degli ultimi decenni ha promosso un benessere diffuso ma ha anche prodotto o lasciati irrisolti squilibri gravi a livello strutturale, sociale, culturale. Accanto a un numero crescente di ricchi e super ricchi convivono ancora milioni di persone in condizioni di estrema povertà. Nel vuoto ideologico e nello spaesamento esistenziale conseguenti all’esplosione liberista, che cosa si sta delineando in quel vastissimo paese? Per rafforzare il proprio consenso interno e migliorare l’immagine della Cina sullo scacchiere internazionale, il Partito comunista guarda con rinnovato interesse alle radici del suo patrimonio culturale, riscoprendo i principi etici del confucianesimo, garanti del «buon governo» e di quella «società armoniosa» che hanno caratterizzato l’impero per oltre duemila anni.